Sanguinacci e cipolla

Sanguinaccio e cipolle – “berodo e çioule”

Sanguinaccio: oggi fare gli acquisti dal macellaio e in salumeria, rappresenta una notevole perdita di tempo, e non di rado si rinuncia per “eccesso di coda

✅ Prima di iniziare con la lettura, ti mettiamo qui sotto alcuni link davvero interessanti, di alcune ricette tipiche liguri. Dacci uno sguardo! 😉

Ciò deve, d’altra parte, rallegrarci, perché è senza dubbio testimonianza di tempi felici, anche se il nostro mugugno è sempre pronto a partire in ogni direzione:

una volta, il rivenditore doveva invece impegnarsi a raggranellare la rara clientela, ingraziandosela in qualche modo.

Una occasione gliela offriva il periodo festivo di fine anno: in quei giorni infatti, egli donava ai clienti, e forse non solamente ai più affezionati, il tradizionale sanguinaccio o “berodo” in dialetto.  

Sanguinaccio e cipolle
Il magnifico e succulento Sanguinaccio

Il berodo, questo classico sanguinaccio, non era un regalo da poco. Anzitutto tale cibo si presentava più ricco di adesso, assai più morbido e saporito, poiché, come comuni ingredienti, entravano sapori diversi, atti a valorizzarlo nel gusto, come uvetta e pinoli.

L’edizione 🎄 natalizia poi, era ancora arricchita con noci frantumate, che ne ingentilivano l’aroma, già di per sé consono all’atmosfera 🎅 festiva.

Il perché del successivo impoverimento, sta solamente nel progressivo abbandono di questo tradizionale personaggio delle antiche mense, dovuto al mutare delle mode nutrizionali, che, dirigendosi verso cibi ritenuti più raffinati, perdono spesso punti, in fatto di naturale bontà.

Ingredienti e dosi (per 4 persone)

  • un sanguinaccio di 1 kg
  • due cipolle
  • due cucchiai d’olio d’oliva
  • brodo di carne o di dado
  • sale

Preparazione del Sanguinaccio e Berodo 👩‍🍳

  • Fate lessare il sanguinaccio in acqua bucherellandolo perché non scoppi e poi lasciatelo raffreddare.
  • Affettate le cipolle e fatele stufare in padella, con olio a poco brodo.
  • Regolate il sale.
  • Aggiungete il sanguinaccio a fette, spellato, rosolando 5 minuti prima di servire.

Rispondi