Mesciua, zuppa di La Spezia

Mesciua – Ricetta Originale della “Zuppa di La Spezia”

Mesciua – Ricetta Originale della “Zuppa di La Spezia”

✅ Prima di iniziare con la lettura, ti mettiamo qui sotto alcuni link davvero interessanti, di alcune ricette tipiche liguri. Dai uno sguardo! 😉

Tra i piatti poveri – ma non meno interessanti per genuinità e gusto – della terra ligure, ne esiste uno, tipico della zona spezzina, che sembra possedere il primato della modestia: la “mesc-ciùa“.

📜 Questo cibo, infatti, era preparato con cereali e altre granaglie che durante le operazioni di carico e scarico sfuggivano dei sacchi infilandosi tra le pietre del selciato portuale.

Agli scaricatori era stato riconosciuto il diritto di appropriarsene. Toccava alle donne trasformare il frutto del paziente lavoro degli “spigolatori” in qualcosa atto a risolvere felicemente il quotidiano problema della mensa.

Come questo costume alimentare sia giunto fino ai tempi delle “vacche grasse“, può apparire un mistero, ma non lo è:

ha giocato in maniera determinante – al di là della consuetudine e, forse, di una insopprimibile nostalgia per un passato anche sofferto – la felice risultante delle “mescolanze“. (mesc-ciùa in dialetto spezzino vuol dire appunto “mescolanza”)

La Mesc-ciùa – foto di Pampuco da wikipedia

La mesc-ciùa, che si può ancora oggi gustare nelle trattorie spezzine, non rappresenta una curiosità gastronomica: è tra i piatti tipici più richiesti, e destinato a continuare a reggere bene, perché è molto appetitoso e nutriente.

Anche se semplice, questo cibo non è di facile fattura: spesso, infatti, la povertà degli elementi base di un piatto è inversamente proporzionale alla abilità e alla esperienza necessaria per una degna preparazione.

Ingredienti e dosi (per sei persone)

  • 300 grammi di ceci giganti del Marocco
  • 150 grammi di fagioli cannellini
  • 80 grammi di grano saraceno (oppure di prima semina)
  • acqua
  • sale
  • olio del frantoio
  • pepe

Preparazione 👩‍🍳

  • Fate ammollire nell’acqua per 24 ore, in pentole separate, i ceci, i cannellini e il grano.
  • Sempre separatamente, fateli cuocere a fuoco lento, badando a mantenere costante l’ebollizione, con i seguenti tempi: quattro ore di cottura per i ceci, tre ore di cottura per i fagioli e il grano .
  • Colate poi bene ceci e grano e uniteli ai fagioli, che resteranno così nel loro liquido di cottura assieme agli altri ingredienti.
  • Aggiungete a questo punto sale quanto basta, mescolando per qualche minuto per scioglierlo completamente.
  • Servite subito, versando su ogni scodella, un cucchiaio d’olio e spruzzando con pepe.

5 commenti

I commenti sono chiusi.