Panissa ligure, ricetta della Panissa

Panissa – La sorella gemella (diversa) della Farinata

Panissa. Anche se non può vantare le origini eroiche della sua classica e inseparabile compagna in vetrina, la Farinata.

✅ Prima di iniziare la lettura, ti mettiamo qui sotto alcuni link di ricette tipiche liguri, davvero interessanti. Dacci uno sguardo! 😉

La panissa possiede la rara qualità di cibo sostanzioso e allo stesso tempo frugale, dal 💰 costo assai limitato.

📜 Solo negli anni ’30, la panissa rappresentava, appunto per questa sua dote economica, il piatto unico degli operai, quando dopo il cannone di mezzogiorno (chi ha de grigio in testa, ne ricorda certamente ancora l’allegro botto, sciorinate teorie di allarmati colombi sui tetti della città) si ritrovavano con i piedi sotto alla tavola, nelle numerosissime osterie specializzate in questo piatto tradizionale.

La panissa veniva consumata 🍽 ancora calda e tagliata a tocchi, condita abbondantemente con olio, pepe e sale, oppure ridotta a listarelle sottili, a mo’ di 🍟 patatina, e appunto fritta nell’olio, ed anche gustata in insalata (come qui di seguito descritto).

Panissa tagliata a mo’ di patatine fritte – 📸 foto di Claudia Maestri – dal nostro Gruppo Facebook

Oggi, questo cibo è stato in un certo senso messo alle corde dalla moda della 🍕 pizza, ma è anche vero che esso sta conquistando nuovi e imprevedibili spazi: chi avrebbe infatti potuto immaginare che l’umile panissa, ben tostata e brunita, sarebbe un giorno approdata, assieme agli altri stuzzichini, sugli splendidi banchi dei bar alla moda, a deliziosamente smorzare, i nascenti appetiti delle belle signore? 👩‍💼

Ingredienti e dosi (per 4 persone) ⚖

  • 300 grammi di farina di ceci
  • mezza cipolla
  • olio d’oliva
  • acqua
  • sale
  • pepe

Panissa: preparazione 👨‍🍳

  • Versate a poco a poco, in una casseruola dove avrete messo la farina di ceci, circa un litro di acqua tiepida, rimescolando continuamente, fino a che l’acqua sia tutta versata e la farina perfettamente sciolta.
  • Regolato il sale, mettete al fuoco rimescolando ancora, lentamente per circa 40 minuti.
Panissa fritta
Panissa fritta – Foto di Anna Pinco, dal nostro Gruppo Facebook
  • Versate quindi il composto semidenso in un piatto e lasciatelo raffreddare.
  • Tagliate poi assai finalmente la panissa, irroratela con l’olio d’oliva, aggiungendo un po’ di sale, un pizzico di pepe e la cipolla tagliuzzata fine.