Volto megalitico di Borzone, Borzonasca

Volto megalitico di Borzone, quello che devi sapere

Volto megalitico di Borzone – Tutto quello che devi sapere

✅ Prima di raccontarti tutto quello che devi sapere sul Volto megalitico di Borzone, ti lasciamo qui sotto alcuni link interessanti. Dai uno sguardo! 😉

Volto megalitico di Borzone – Alla scoperta della scultura più incredibile di tutta la Liguria

Nell’entroterra ligure, poco distante da Borzonasca, si trova la più grande scultura rupestre paleolitica d’Europa e, probabilmente, la più grande del mondo.

Il volto megalitico di Borzone – Foto di Maurizio de Mattei, dal nostro Gruppo Facebook

Questa incredibile scultura è nota come Volto megalitico di Borzone: raffigura appunto un volto umano, scolpito nella roccia, alto circa 7 metri di altezza e largo 4.

Potrebbe interessarti: 3 Cose che devi assolutamente sapere su Borzonasca

Volto megalitico di Borzone come arrivare

Il Volto megalitico di Borzone si trova a Borzonasca, nella Frazione Borzone, in località Zolezzi

La grande scultura è visibile dalla strada: giunti in prossimità, troverete sul ciglio un cartello con una panchina – è un punto panoramico – in cui sedersi comodamente e ammirare il Volto megalitico (Trovate la Mappa 👇 sotto).

INDICAZIONI provenendo da Chiavari

Appena arrivati a Borzonasca, vedrete i cartelli che indicano di girare a destra, in direzione Caroso – Sopralacroce – Abbazia di Borzone – Rifugio Pratomollo.

Proseguite su questa stretta strada per 2 Km, poi girate a DESTRA, seguendo sempre le indicazioni per l’ABBAZIA di Borzone e Zolezzi (NON girate a sinistra, per Licciorno)

Dopo circa 10 minuti da Borzonasca, arriverete in prossimità dell’Abbazia.

Invece di girare a destra, scendendo per la stradina che arriva all’Abbazia, proseguite a sinistra, in direzione Zolezzi e Volto del Cristo Megalitico. E’ molto semplice, trovate tutte le indicazioni.

In totale, da Borzonasca al punto panoramico del Volto megalitico, sono circa 15 minuti d’auto.

Potrebbe interessarti: La splendida Abbazia di Borzone

Com è stato scoperto il Volto megalitico di Borzone?

La prima notizia riguardo al Volto megalitico di Borzone, veniva pubblicata dal Corriere Mercantile, il primo febbraio 1965, ad opera di Luigi Solari.

L’articolo spiegava che, nel mese precedente (Gennaio), Armando Giuliani, assessore del Comune di Borzonasca, durante il sopralluogo per la costruzione della strada, aveva scoperto una “grande effigie umana” alle Rocche di Borzone.

Borzonasca, volto Cristo megalitico
Volto del “Cristo” Megalitico – Foto di Dante Bergamini, dal nostro Gruppo Facebook

A Borzone, gli abitanti pensavano che il volto fosse opera dei frati che un tempo vivevano nel monastero, annesso alla vicina Abbazia di Borzone.

Questa scoperta ebbe parecchio risalto all’epoca: venne anche approfondita in un libro del 1968, del professore e storico Celestino Brusco.

Potrebbe interessarti: La Torta Baciocca, piatto tipico di Borzonasca

Il vero mistero: di chi è il volto?

La gigantesca scultura venne interpretata da subito come il “Volto di Cristo”.

Secondo la leggenda, questa effige sarebbe stata conseguenza di un “voto” dei monaci per l’avvenuta cristianizzazione della vallata e di tutte le località della zona.

Si narra che, una volta all’anno, gli abitanti della valle si radunassero davanti alla grande scultura per ringraziare la Divinità.

Volto megalitico di Borzone
Volto megalitico di Borzone, visto dalla panchina panoramica – Foto di Dante Bergamini, dal Gruppo Facebook

Quando i frati si allontanarono dal Monastero, anche questa tradizione dei valligiani decadde.

La gigantesca scultura venne inghiottita dalla vegetazione e dimenticata per molti secoli, sino al suo ritrovamento.

Siamo certi che si tratti effettivamente del Volto di Cristo?

Potrebbe interessarti: il Lago di Giacopiane, a poca distanza dal Volto megalitico di Borzone

E’ davvero un uomo? E se fosse invece una donna?

In realtà, nonostante una ostentata certezza riguardo al “volto di Cristo”, i dubbi sono tantissimi e, per saperne di più, vi consigliamo di guardare l’approfondimento di Paleolithic art magazine.

Alcuni di questi “dubbi” sono però molto “sostanziosi” e vanno certamente tenuti in considerazione.

  • Se il Volto megalitico di Borzone è stato opera di gente di una società matriarcale, se raffigura il volto di una donna, potrebbe rappresentare un dio femminile, cioè una dea.
  • Non c’è barba, quindi non possiamo dare per scontato che sia un uomo, potrebbe essere il volto di una donna

Potrebbe interessarti: 3 Cose che devi sapere sul Monte Penna

  • Difficile datazione: non essendovi specialisti, non hanno potuto dargli un’attribuzione culturale (cioè datarlo), ma di recente la maggior parte degli osservatori lo ha considerato preistorico. E non può che essere preistorico, in quanto in Europa, in tempi storici, le tecniche di lavorazione della scultura erano molto più evolute, e con differenti soggetti di culto.
Abbazia di Borzone e volto megalitico di Borzone
L’Abbazia di Borzone – Foto di Dante Bergamini, dal nostro Gruppo Facebook
  • La posizione della scienza ufficiale (quella che nei congressi internazionali trova la maggior parte degli studiosi consenzienti) non si è ancora pronunciata sulla scultura rupestre del Paleolitico, in quanto non vi sono studiosi che l’hanno proposta.

Potrebbe interessarti: La Pietra Borghese e la Conca della Nave, a pochi km di distanza

Perché Il Volto megalitico di Borzone è detto “di Cristo”, se non ve n’è certezza?

Per un motivo semplice: per la vicinanza con l’Abbazia di Borzone.

La leggenda che viene narrata, di cui vi abbiamo parlato all’inizio, oltre alla poca distanza da un luogo storicamente importantissimo per il culto nella zona, come l’Abbazia di Borzone, fanno propendere per una visione Cristiana della scultura.

Quella del “volto di Cristo” sembra la spiegazione più plausibile e probabile alla presenza e al disegno della scultura stessa.

Potrebbe interessarti: Entroterra di Chiavari cosa vedere – Guida Completa

E se i volti fossero addirittura due?

Vi lasciamo qui sotto un video girato con il drone da Ugo de Cressi che, nel 2016, avrebbe scoperto l’esistenza di un secondo volto, anteposto al più noto, con espressione corrucciata e greve.

Qui si parla del SECONDO volto megalitico

Potrebbe trattarsi di una contrapposizione tra il “dio benevolo” e “una faccia sofferente”.

Questa scoperta, ancora da dimostrare nella datazione con i test al carbonio, potrebbe aprire nuove prospettive sul Volto megalitico di Borzone.