Pancotto, ricetta del pancotto

Il Pancotto genovese – u pancheutto

Esistono ritorni ciclici di consuetudini, talvolta determinati da ragioni di natura diversa, perfino opposta.

Nel campo della gastronomia nostrana, un esempio tipico è quello offerto da un piatto povero (anzi poverissimo), in passato testimonianza di tempi duri: il Pancotto (Pancheutto).

Le antiche cucinerie genovesi citano il Pancotto con 🙌 grande rispetto, classificandolo addirittura tra gli alimenti più importanti indicandolo come “minestra di magro essa economica, adatta specialmente per infanti e famiglie numerose”.

In realtà era un cibo di bisogno, fatto con i rimasugli del pane quotidiano, che con qualche modesta ma sapiente aggiunta, diventava nell’aspetto e nella sostanza, vera e propria portata.

Il Pancotto genovese, 📸 foto dal Web

Oggi una conversione verso questo nutrimento dovrebbe essere suggerita, invece, dall’abbondanza: sono state eseguite recentemente rilevazioni ⚠ allarmanti, circa la quantità di pane giornalmente buttata via. 😠

Lungi da noi voler tacciare le nostre massaie di incapacità nella programmazione familiare, d’altronde non sempre facile, ma il pane secco ammucchiato negli angoli delle cucine e nei ripostigli, è pur sempre una realtà.😪

📈 Una ripresa auspicabile e logica, dunque, per un piatto oggi quasi abbandonato. Rappresenterà per molti, anche una non ingrata rievocazione di quei 💸 tempi difficili, che lasciano nell’animo umano, assieme al timore di un ritorno, anche un po’ di nostalgia.

Ingredienti e dosi (per 4 persone)

  • quattro michette di pane raffermo
  • tre cucchiai di formaggio parmigiano grattugiato
  • tre spicchi d’aglio
  • una presa di origano
  • olio d’oliva
  • sale

Il Pancotto: preparazione 👨‍🍳

  • Fate bollire in pentola l’acqua salata necessaria con l’aggiunta di tre cucchiaiate d’olio e degli spicchi d’aglio interi.
  • Quando l’aglio risulterà cotto, aggiungete il pane secco ridotto a pezzetti, l’origano e il formaggio parmigiano.
  • Date ancora un doppio bollore e servite immediatamente.

Rispondi