Varese Ligure, Sciuette di Varese Ligure

Varese Ligure e il dolce misterioso: le sciuette

Prima di iniziare la lettura riguardo il Dolce misterioso di Varese Ligure, ti diamo alcuni suggerimenti su cosa devi sapere e vedere assolutamente!

Varese Ligure: pochi lo sanno, ma anche la nostra gastronomia, al pari della più fantasiosa siciliana, o sarda, possiede una fioritura delicatissima e gentile, per tutto l’anno annuncio di gioia, serenità e primavera.

Ci riferiamo a quei poetici, multicolori, evanescenti, eterei, oltre che di finissimo gusto, manufatti – miracolo che escono esclusivamente dalle abilissime dita delle suorine di clausura, del convento agostiniano di Varese Ligure – sulla cui modalità di lavorazione, quelle antiche mura, hanno fino ad oggi svolto funzione di invalicabile cortina: le “sciouette 🤩

Le bellissime Sciouette – una vera opera d’arte! 🖼

Sciouetta, anche il nome scivola leggero di bocca, come a sottolineare la delicatezza della preparazione.

I dolcetti consistono infatti, al contrario della vastissima produzione dolciaria ortofrutticola siciliana, pressoché esclusivamente in fiori, 💐 fiori di ogni genere, quasi interpretazione appunto, dei frutti siciliani in fase di fioritura, pur con identica materia prima di base, la pasta di mandorle.

E se di frutti si tratta, a differenza dei siciliani sono assai leggeri, vuoti all’interno. L’ arrivo in tavola delle policrome sciouette, rappresenterà per molti l’appagamento di ogni residuo infantile desiderio. E i più, decideranno di conservarle: religiosamente. 🙌

Ingredienti e dosi (per 4 persone)

  • 200 grammi di mandorle
  • 100 grammi di zucchero molto fine
  • un uovo
  • 30 grammi di farina
  • cacao
  • liquore di alchermes
  • verdura passata di tipo diverso per creare i colori naturali

Preparazione 👩‍🍳

  • Per preparare la pasta, dopo aver spellato e sbollentato le mandorle, pestatele nel mortaio con lo zucchero fino a ridurle a una crema.
  • Aggiungete poco alla volta, mescolando, il rosso d’uovo e poi l’albume, incorporando poi, poco a poco, la farina, facendo attenzione a non formare grumi.
  • Ottenuta una pasta soffice e duttile, ma di buona consistenza, formate abilmente, con le mani, dopo aver dato con un nuovo impasto, il colore desiderato al materiale, delle foglioline, dei petali e calici, dei baccelli, dei frutti.
  • Fate essiccare in ambiente molto caldo, completate poi la coloritura dei petali.

📜 Cosa dice la Madre Superiora di Varese Ligure

Questa è la presunta – non la originale – ricetta delle sciouette. Rappresenta solo una buona guida per chi volesse cimentarsi nel tentativo di confezionarle familiarmente. Le vere artiste, stanno oltre la “ruota” del convento, e operano in agostiniana clausura, nei ritagli di tempo lasciati dalla preghiera e dalle più necessarie occupazioni.

👥 Chiunque può provare a farle, ci dice la madre superiora, fissandoci con il suo sguardo fermo e cordiale, ma la sua determinatezza a non svelare un segreto che resiste da secoli (anche le truppe Napoleoniche furono incantate da questi manufatti) è della stessa natura delle sbarre che, nell’umile parlatorio, da lei ci dividono.

Rispondi